Restauri Deumidificazioni Consolidamenti

 Impermeabilizzazioni

 

Nuova Legge di Stabilità 2018: tutto sulle Detrazioni Fiscali.

La legge di Bilancio 2018 ha prorogato anche per l'anno in corso gli incentivi fiscali per i lavori di ristrutturazione edilizia. Il cosiddetto bonus ristrutturazione è pari a una detrazione Irpef del 50% per un tetto massimo di spesa di 96.000 euro.

La detrazione è valida per i lavori avviati  a partire dal 1º gennaio, mentre a partire dal 1 º gennaio 2019 si tornerà alla detrazione prevista dalla norma del TUIR, ovvero un bonus irpef del 36% per un limite massimo di 48mila euro. E' dal 2012 che le spese sostenute per questo tipo di lavori possono godere di un'aliquota agevolata in virtù delle misure adottate dai governi che si sono succeduti.

Ad usufruire del bonus ristrutturazioni può essere, oltre al proprietario dell'immobile anche: il nudo proprietario; titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie), locatario o comodatario; socio di cooperative divise e indivise; soggetto che produce redditi in forma associata, per cui società semplici o imprese familiari, l'imprenditore individuale, ma solo per l'imprenditore non strumentale o merce.

I lavori per i quali sarà possibile accedere ai benefici fiscali sono quelli già previsti per il 2017Chi usufruisce del bonus per le ristrutturazioni edilizia, analogamente a quanto avviene per l'ecobonus e per il sismabonus, dovrà inviare all'Enea, per via telematica, alcune informazioni sugli interventi effettuati. L'autorità effettua un monitoraggio per valutare l'impanto dei lavori di ristrutturazione sul risparmio energetico. Le informazioni ricevute saranno poi rielaborate e inviate al Ministero dello Sviluppo economico. 

Dopo l’approvazione alla Camera e in Senato, la Legge di Stabilità 2017 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale. Sono state prorogate le detrazioni fiscali: Ecobonus 65% per gli interventi di efficientamento energetico, la Detrazione 50% per le ristrutturazioni e il Bonus Mobili. Approvati anche Sismabonus, detrazioni potenziate per i condomìni e la riqualificazione alberghi. La legge entra in vigore il 1°gennaio 2017.
Riepiloghiamo di seguito punto per punto quanto previsto.

 

Ecobonus 65%

Confermata la proroga fino al 31 dicembre 2017 dell’Ecobonus 65% sugli interventi di efficientamento energetico delle singole unità immobiliari.
La Detrazione 65% ha come obiettivi:

  • miglioramento della prestazione energetica degli edifici;
  • l’integrazione e lo sviluppo delle fonti rinnovabili negli edifici;
  • sostegno alla diversificazione energetica;
  • promozione della competitività dell’industria nazionale attraverso lo sviluppo tecnologico;
  • conseguimento degli obiettivi nazionali in materia energetica e ambientale.

I tetti massimi di detrazione sono di 100.000, 60.000 e 30.000 euro.
Per la riqualificazione energetica, il tetto massimo di detrazione prevista è di 100.000 euro, equivalente a una spesa massima di 153.846,20 euro.

Per serramenti e infissi, pannelli solari e la coibentazione di pareti e coperture, il tetto massimo di detrazione prevista è di 60.000 euro, per una spesa massima di 92.307,69 euro.

Per le caldaie a condensazione, a biomassa e le pompe di calore, il tetto massimo di detrazione prevista è di 30.000 euro, per una spesa massima di 46.153,85 euro.

 

Ecobonus Condomìni

La Finanziaria 2017 proroga fino al 2021 gli interventi relativi a parti comuni degli edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari del condominio. Gli interventi di efficientamento energetico nei condomìni usufruiranno di bonus in base all’entità dei lavori e ai risultati raggiunti. Si parte dal 65% e si arriva al 70% se l’intervento riguarda almeno il 25% dell’involucro (il cappotto) dell’edificio e al 75% se la certificazione attesta il miglioramento della prestazione energetica invernale e estiva. Le detrazioni saranno calcolate su un ammontare delle spese fino a 40mila euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio. Il Bonus è detraibile in 10 rate annuali.

 

Detrazioni Fiscali Ristrutturazioni

Prorogato anche fino al 31 dicembre 2017, il Bonus 50% per i lavori di ristrutturazione sulle singole unità immobiliari e le parti comuni dei condomìni.

 

Sisma Bonus

La detrazione fiscale per la messa in sicurezza antisismica è al 50% in cinque anni, per interventi realizzati dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021, con un tetto di spesa fino a 96mila euro. Le aliquote cambiano a seconda dei risultati ottenuti:

  • 70 e 80 % nel caso di miglioramento di una o due classi di rischio;
  • 75 e 85 % se gli interventi riguardano le parti comuni di edifici condominiali.

Nelle spese incentivabili rientrano anche quelle per la classificazione e la verifica sismica.

 

Riqualificazione alberghi

L’Ecobonus è esteso anche agli alberghi. Per il 2017 e il 2018 sarà riconosciuto un credito di imposta del 65% per la riqualificazione delle strutture ricettive turistico alberghiere, inclusi gli agriturismi.


UP